Verona: Evasione fiscale, truffa e fallimenti. Disposto il sequestro di beni per oltre 8,7 milioni di euro

4' di lettura 15/07/2022 - La Guardia di Finanza di Verona, all’esito di specifiche attività di contrasto all’evasione, alle frodi fiscali e ai reati fallimentari, sta dando esecuzione a un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca di oltre 8,7 milioni di euro.

Il provvedimento, adottato dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Verona su richiesta della locale Procura della Repubblica, riguarda una società della provincia operante nel settore della commercializzazione all’ingrosso di rottami ferrosi, fallita nell’ottobre del 2019 e sospettata di aver commesso una plurimilionaria evasione fiscale attraverso l’uso di fatture per operazioni inesistenti per oltre 11 milioni di euro.

Per questi motivi, i Finanzieri del Comando Provinciale scaligero stanno procedendo ad assicurare allo Stato corrispondenti liquidità bancarie e altri beni riconducibili a due persone.

Si tratta, in particolare, dell’amministratore pro-tempore della suddetta società veronese, un 61enne bresciano indagato per l’ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta, dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, al quale le Fiamme Gialle stanno sequestrando beni per un controvalore di oltre 5,7 milioni di euro, e di un 39enne di nazionalità rumena indagato, in concorso con il primo per i medesimi fatti di bancarotta, oltreché per i reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti e autoriciclaggio; a quest’ultimo i militari stanno sequestrando beni per quasi 3 milioni di euro.

L’ingente sequestro giunge al termine di una verifica fiscale e di apposite indagini svolte dal Nucleo di polizia economico finanziaria della città capoluogo, all’esito dei cui accertamenti, grazie anche alla collaborazione delle autorità croate e ungheresi, i militari hanno constatato che i due indagati - non ancora colpevoli fino a quando la loro responsabilità non sarà accertata con sentenza o decreto penale di condanna irrevocabili - avevano «distratto» la somma complessiva di circa 3 milioni di euro ottenuta dalla suddetta società mediante un finanziamento erogato dal Mediocredito, garantito dallo Stato attraverso il Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese. Il tutto simulando il pagamento di false fatture emesse per la vendita - mai avvenuta - di macchinari da parte di una ditta croata riconducibile al più giovane dei due, che l’aveva utilizzata anche per la fittizia cessione di rottami ferrosi.

I macchinari - veri e propri mulini meccanici, da cui il nome dell’operazione «MULINI FANTASMA» - esistenti solo sulla carta, dovevano servire per la lavorazione dei rottami ferrosi, trasformandoli da materiale di scarto a semilavorato oppure permettendo il loro smaltimento in maniera più efficiente.

I Finanzieri hanno anche accertato che la pratica di finanziamento era stata predisposta utilizzando un falso piano industriale, architettato ad hoc per dare credibilità all’operazione e per rassicurare gli enti creditizi sul corretto impiego della somma, che, in realtà, non è mai stata restituita, ma trasferita immediatamente su un conto corrente ungherese riconducibile al predetto soggetto rumeno.

Quest’ultimo, indagato del reato di autoriciclaggio, ha poi messo in atto un’imponente azione riciclativa di portata internazionale, attraverso apposite movimentazioni finanziarie (disposte dal precitato rapporto bancario, su cui nel frattempo erano confluiti anche altri pagamenti a fronte dell’acquisto fittizio di rottami ferrosi) a favore di società aventi sede in Cina, Hong Kong e Serbia per un ammontare complessivo di oltre 6 milioni di euro.

Nel corso degli accertamenti i Finanzieri hanno anche smascherato la compravendita simulata, per un ammontare complessivo di oltre 4,3 milioni di euro, di un complesso immobiliare da una società abruzzese presso cui dovevano essere collocati i macchinari falsamente acquistati, realizzata attraverso la cessione di quote sociali di una start-up operante nel settore delle energie rinnovabili (di proprietà della società fallita e priva di alcuna consistenza economico-patrimoniale).

La prevenzione e la repressione di condotte truffaldine, architettate da coloro che utilizzano fatture false e mettono in piedi sistemi articolati e complessi di frode fiscale arrecando danni all’intera collettività, rimane un obiettivo prioritario della Guardia di Finanza, vieppiù nell’attuale scenario di crisi generata dalla pandemia in atto ove occorre tutelare massimamente gli operatori economici onesti.

L’azione del Corpo è orientata, infatti, a perseguire con determinazione gli illeciti economico-finanziari e, tra questi, i reati fallimentari, per consentire ai creditori sociali di ottenere quanto in loro diritto, sostenendoli in questo momento in cui è sempre più avvertito il bisogno di liquidità.






Questo è un articolo pubblicato il 15-07-2022 alle 12:13 sul giornale del 16 luglio 2022 - 106 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/df7I





logoEV