Imprese venete a energia solare, la Regione ci mette altri 5 milioni

2' di lettura 20/09/2022 - VENEZIA- “In considerazione del grande interesse riscontrato, sul nostro territorio, dalla sezione del Fondo anticrisi dedicata al fotovoltaico, abbiamo deciso di dare un altro segnale per sostenere le imprese che investono in energia da fonti rinnovabili.

Lo abbiamo fatto stanziando altri cinque milioni di euro da destinare dell’erogazione di finanziamenti agevolati combinati ad una quota di contributo a fondo perduto”. Lo annuncia l’assessore regionale allo Sviluppo economico ed Energia, Roberto Marcato dopo l'ok della giunta Zaia alla delibera che porta a 10 milioni di euro la dotazione finanziaria per sostenere le imprese che investono nell’installazione di impianti fotovoltaici nelle proprie strutture produttive. IN VENETO 77.000 MICRO E PICCOLE IMPRESE RISCHIANO CHIUSURA A CAUSA RINCARI IN BOLLETTA “L’attuale elevato costo dell’energia rappresenta un pericolo gravissimo per la tenuta delle piccole e medie imprese italiane e dei lavoratori in esse occupati", ricorda Marcato citando un'analisi di Confartigianato secondo cui circa 880.000 micro e piccole imprese, che occupano oltre il 20% del totale degli addetti del sistema imprenditoriale italiano, sono a rischio chiusura. Per il Veneto si tratta di circa 77.000 realtà con 376.000 occupati, "numeri di fronte ai quali è impossibile restare indifferenti", afferma Marcato. "Diventa allora sempre più importante sostenere l’aumento del contributo che le fonti rinnovabili, definite l'unica strategia fondamentale nel lungo periodo, danno alla copertura del fabbisogno energetico”. ECCO COME FUNZIONA IL FONDO ANTICRISI-SEZIONE FOTOVOLTAICO Il Fondo di rotazione Anticrisi attività produttive istituito nel 2021 e affidato alla gestione di 'Veneto Sviluppo' agisce a supporto di varie tipologie di operazioni e conta su una dotazione complessiva di 99,2 milioni di euro, destinati in parte all'erogazione di finanziamenti agevolati e in parte alla concessione di contributi a fondo perduto associati ai finanziamenti. Il Fondo agevola anche la realizzazione e l'adeguamento di impianti tecnologici, tra cui rientra appunto, nell’ambito di una specifica Sezione, la fornitura ed installazione di impianti fotovoltaici che le imprese possono realizzare nelle strutture della propria sede produttiva e in quelle di relativa pertinenza. La “Sezione Fotovoltaico” opera mediante la concessione di un finanziamento agevolato associato ad un contributo a fondo perduto del 10% per la media impresa e del 20% per la piccola. Le agevolazioni si riferiscono non solo alle spese per la fornitura e l’installazione dei pannelli, ma anche alle spese per gli impianti di accumulo, il sistema combinato di inverter e l’allacciamento alla rete elettrica. In particolare, il contributo a fondo perduto è di 2.000 euro/kW per impianti fino a 20 kW, cui corrisponde un contributo massimo di 8.000 euro; 1.600 euro kW per impianti fino a 100 kW, cui corrisponde un contributo massimo di 32.000 euro; 1.000 euro/kW per impianti con potenza superiore a 100 kW, cui corrisponde un contributo fissato massimo di 50.000 euro.





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 21-09-2022 alle 13:49 sul giornale del 21 settembre 2022 - 18 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dq8S