Padova Jazz Festival: 26 novembre ultimo concerto

3' di lettura 22/11/2022 - Concerto di sabato 26 novembre Centro Culturale San Gaetano, ore 21 ROBERTO OTTAVIANO ETERNAL LOVE QUINTET “Spirit of Mingus – The Centenary Tribute” Roberto Ottaviano (sax soprano), Marco Colonna (clarinetti), Giorgio Pacorig (pianoforte), Giovanni Maier (contrabbasso), Zeno De Rossi (batteria)

Il sassofonista Roberto Ottaviano, uno dei jazzisti italiani più premiati delle ultime stagioni, segno di una maturità creativa in pieno fermento, sarà protagonista della serata conclusiva del Padova Jazz Festival. Sabato 26 novembre si esibirà al Centro Culturale San Gaetano (ore 21) in un omaggio a Charles Mingus con il quintetto Eternal Love: Marco Colonna ai clarinetti, Giorgio Pacorig al pianoforte, Giovanni Maier al contrabbasso e Zeno De Rossi alla batteria.

La vittoria del Top Jazz 2017 per il miglior disco dell’anno (con Sideralis) ha riportato sotto i meritati riflettori il sassofonista Roberto Ottaviano (Bari, 1957). Passato per esperienze formative altamente qualificanti (studi con Giacomo Manzoni, Luigi Nono, Evan Parker, Jimmy Giuffre e George Russell tra gli altri), ha mosso i primi passi in contesti altrettanto stimolanti, come l’orchestra di Andrea Centazzo. Il suo primo album da leader (Aspects, 1983) rende bene l’idea della sua collocazione nella scena italiana: alla sua realizzazione parteciparono Giancarlo Schiaffini, Paolo Fresu e Carlo Actis Dato. Impressionante è anche l’elenco delle sue collaborazioni internazionali: Dizzy Gillespie, Art Farmer, Mal Waldron, Albert Mangelsdorff, Chet Baker, Keith Tippett, Steve Swallow, Kenny Wheeler, Henri Texier, Paul Bley, Aldo Romano, Tony Oxley, Misha Mengelberg, Han Bennink, Trilok Gurtu...

Nel 2020, Ottaviano è tornato a imporsi nel referendum indetto tra i critici italiani, aggiudicandosi ancora una volta il Top Jazz per il miglior disco dell’anno con Resonance & Rhapsodies. E a rimarcare il suo status nel panorama jazzistico italiano si aggiungono i due secondi posti nelle altre categorie principali: come musicista e per il miglior gruppo in attività (il quintetto Eternal Love).

I musicisti di cui si è circondato, abili nel muoversi lontano da qualunque cliché, permettono a Ottaviano di ricongiungere le traiettorie della libera improvvisazione e le più profonde radici della tradizione jazzistica. Con questa formazione, in occasione del centenario della nascita di Charles Mingus, Ottaviano rispolvera e rinnova l’interesse per un repertorio che aveva già affrontato alla fine degli anni Ottanta, affidandolo anche al disco (Mingus - Portraits in Six Colours, Splasc(h), 1988).

Il Padova Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Culturale Miles presieduta da Gabriella Piccolo Casiraghi, con il contributo dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Padova e il sostegno del Ministero della Cultura.

Informazioni:

Associazione Culturale Miles

Via Montecchia 22 A, 35030 Selvazzano (PD)

Tel.: 347 7580904

e-mail: info@padovajazz.com

web: www.padovajazz.com

Direzione artistica: Gabriella Piccolo Casiraghi

BIGLIETTI

Biglietto intero 14 euro; ridotto 12. Posti non numerati.

VENDITE

Online su www.padovajazz.com

Presso negozio Gabbia Dischi, via Dante 8, Padova.

Presso la biglietteria del teatro solo la sera del concerto.

Diritti di prevendita non inclusi nel prezzo segnalato (applicati solo sulle prevendite online).








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-11-2022 alle 16:02 sul giornale del 23 novembre 2022 - 0 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dEic





logoEV