SEI IN > VIVERE VENETO > CRONACA
articolo

Vicenza: Operazione antidroga, un 1 arresto in flagranza e 4 denunciati a piede libero

2' di lettura
16

Nell’ambito della collaborazione tra il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza e la Polizia Locale di Vicenza, è stata avviata e conclusa un’operazione mirata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione denominata “Giro di Zona” ha portato all’arresto di un responsabile e alla denuncia a p.l. di altre quattro persone per spaccio di sostanze stupefacenti; due, inoltre, le persone segnalate alla locale Prefettura per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale. Questo il bilancio dell’operazione con la quale è stato smantellato un traffico di sostanze stupefacenti messa in atto dai militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Vicenza e dagli agenti del N.O.S. della Polizia Locale.

Tutto è iniziato nei giorni scorsi dopo alcune segnalazioni di movimenti sospetti da parte di giovani ragazzi nella zona di San Lazzaro. Così sono state avviate le indagini che hanno portato all’individuazione di due persone (entrambi 23enni di nazionalità ghanese), trapper locali molto attivi sui social. Nei video delle loro canzoni, pubblicati sui social network, oltre a esibire ingenti quantitativi di sostanza stupefacente e denaro contante, i due giovani pro-ponevano testi nei quali sfidavano e sbeffeggiavano le Forze dell’Ordine.

Dopo diversi appostamenti, i militari e gli agenti sono riusciti a individuare i luoghi dove avvenivano gli scambi di stupefacente tra pusher e acquirenti, edifici o parcheggi pubblici tra i quartieri San Lazzaro e Pomari in questo capoluogo.

Una volta accertato il modus operandi, è scattato il blitz da parte del Nucleo Mobile della Guardia di Finanza e del NOS della Polizia Locale, che ha portato all’arresto di un italiano di 23 anni e alla denuncia a piede libero dei due trapper e di altre due persone (un nigeriano di 32 anni e un serbo di 22 anni), tutti accusati di spaccio di sostanze stupefacenti.

Le varie perquisizioni personali e domiciliari hanno portato al sequestro di quasi mezzo chilo di sostanze stupefacenti, fra marijuana e hashish, suddivise in dosi e pronte per la vendita, 3 grinder, 1 bilancino di precisione, oltre a quasi 2.000 euro in contanti ritenuti provento dell’attività criminale.

L'Autorità Giudiziaria berica, dopo la convalida dell’arresto in flagranza dell’italiano coinvolto, ha disposto, per lui, l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.



Questo è un articolo pubblicato il 06-03-2023 alle 10:08 sul giornale del 07 marzo 2023 - 16 letture






qrcode