Gdf Treviso sventa un tentativo di estorsione da 350 mila euro, sequestrata una Lamborghini

2' di lettura 17/03/2023 - Le Fiamme Gialle del Comando provinciale di Treviso hanno bloccato un tentativo di estorsione di 350.000 euro ai danni di un imprenditore trevigiano, denunciando due residenti nel padovano e sequestrando un’auto sportiva di proprietà della società amministrata dalla vittima, indebitamente trattenuta dagli indagati al fine di ottenere il pagamento della somma pretesa.

Il Giudice per le Indagini Preliminari, grazie alle indagini svolte dalla Guardia di Finanza di Treviso sotto il coordinamento della locale Procura, ha disposto il sequestro preventivo dell’auto da corsa al centro delle indagini, una Lamborghini Huracan GT3, bloccando così il tentativo di estorsione, protrattosi per mesi fino all’intervento dei finanzieri trevigiani.

Le indagini sono state avviate a seguito della querela, presentata dall’amministratore delegato di un’azienda del trevigiano che, dopo aver acquistato l’auto sportiva e averla affidata, in base a un contratto di sponsorizzazione, a una scuderia automobilistica, al termine del rapporto contrattuale, anziché riottenere il veicolo da corsa, è stata destinataria di una pretesa di pagamento di una serie di fatture emesse, fuori dai termini contrattuali, dalla stessa scuderia, per un importo prossimo al valore di acquisto dell’autovettura, ovvero circa 350.000 euro.

Sono così scattate le attività investigative delle Fiamme Gialle che, attraverso alcune perquisizioni eseguite tra le province di Padova e Verona, controlli incrociati, accertamenti bancari e l’acquisizione di diverse testimonianze, sono riuscite a ritrovare l’autovettura in un capannone del padovano e a provare che le fatture emesse dalla scuderia riguardavano operazioni economiche inesistenti e, pertanto, erano state emesse con il solo fine di tentare un’estorsione ai danni dell’imprenditore, che solo a fronte del pagamento dell’importo richiesto avrebbe potuto riottenere la Lamborghini. Il Tribunale del Riesame di Treviso ha confermato il sequestro preventivo dell’auto sportiva. Concluse ora le indagini, i due responsabili dovranno rispondere del reato di tentata estorsione in concorso.






Questo è un articolo pubblicato il 17-03-2023 alle 11:12 sul giornale del 18 marzo 2023 - 20 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dXZp





logoEV
qrcode