SEI IN > VIVERE VENETO > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Sparò al ladro, Mattarella non concede grazia a macellaio condannato

2' di lettura
22

(Adnkronos) - Nessuna grazia per Walter Onichini. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rigettato la domanda presentata dal macellaio padovano che il 22 luglio di dieci anni fa venne accusato di tentato omicidio e condannato in via definitiva a quattro anni di carcere per avere sparato a un ladro, entrato nella sua abitazione di Legnaro.

E' quanto si legge nel Gazzettino. Lo scorso 23 gennaio, dopo 19 mesi di reclusione, è tornato dalla sua famiglia nell'abitazione di Camponogara in provincia di Venezia. Gli è stato concesso, dal Tribunale di sorveglianza, l'affidamento in prova ai servizi sociali. Oltre a impegnarsi nel volontariato, Onichini può lavorare nella macelleria della sorella Chiara sempre in provincia di Venezia. Ma dalle 22 alle 6 del mattino deve restare in casa e non gli è permesso uscire dai confini della regione Veneto.  La domanda per ricevere la grazia dal Presidente della Repubblica era stata presentata dall'allora moglie, attraverso il legale Ernesto De Toni, il 17 novembre del 2021 al magistrato di sorveglianza. La richiesta, un documento di dieci pagine, è stata poi inoltrata al Ministero di Giustizia il 24 agosto dell'anno scorso. E questa settimana, dopo ventidue mesi, è stata rigettata.  "La domanda di grazia è rimasta ferma a Padova per oltre 9 mesi poi finalmente trasmessa al Ministro della Giustizia a Roma e di essa nessuno aveva più saputo dirci nulla. Dal 23 gennaio di quest'anno Walter Onichini è stato ammesso all'affidamento in prova ai servizi sociali - ha dichiarato il legale De Toni - e ha potuto finalmente cercare di riprendere in mano la propria vita. Rimane l'amarezza per la palese diseguaglianza di trattamento per due persone che avevano entrambe commesso dei reati per i quali sono stati condannati ma una fino ad allora incensurata dopo 9 anni dai fatti è finita in carcere 48 ore dopo che la sentenza era diventata definitiva e vi è rimasta per 16 mesi e l'altra, pluripregiudicata, irregolare ed espulsa dal territorio italiano, con una pena di 3 anni e otto mesi di reclusione passata in giudicato da settimane e che poteva essere arrestata quando era venuta in Tribunale a Padova per chiedere i danni e testimoniare su quanto era accaduto, ma si era potuto rendere irreperibile perché non era stato tempestivamente emesso l'ordine di carcerazione".  


Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 16-09-2023 alle 18:18 sul giornale del 18 settembre 2023 - 22 letture






qrcode