SEI IN > VIVERE VENETO > CULTURA
Editoriale

Treviso: "Radici coti e crui" cominsia a ciacolar coa nostra zente

4' di lettura
42

Luni 22 zenaro 2024 inisiemo a cercar de contarse tante cose bee, qua gnanca una de grama. Partimo dal ritrovar el piaser de parlar Veneto. Se qualcun el vol far dee coresioni, le pol far sol coa graspa, no podemo andar in serca dea perfesion. Semo concentrai sul salvar a nostra Lengua chiederve cossa voè. "E che resti fra noi"

Le cambià tuto cossì de corsa che no gavemo avuo tempo gnanca de fermar el tempo. Chi xe che lo gavaria vossuo fermar ? Disemeo dandoghe na ocasion, no gavemo avuoo tempi tanto bei, ma ne par che i fose mejo de adeso. Se core masa e se vorria tornar indrio. Come femo a trovar la misura ? Robe vecie e robe nove, saria da far un miscioto e cavar fora na sosietà no perfeta che noa esiste, ma che ne piase a noaltri.

Podaria eser un modo ? Eser un fià de na volta e un fià de adeso, podaria funsionar ? Xe vero che l'industria granda a copa l'amor ? Come femo, tornemo sui campi ? Ma no ghe ne se pì. Femo industrie pi cee i dise a Treviso, o industrie pi picoe i dise nea provinsia. Bea idea, gavemo sa provà, ma chi che ne governa no vol. No i vol sogeti economici indipendenti e se provemo i ne manda cartee esatoriae che i ne fa fair prima ancora de partir.

Gavemo dito nea presentasion de ieri che sta rubrica la deve eser na bea roba, che ne fassa sorider, no imusonirse. Eora femo na sosietà bea come el film “Signore e Signori” che le sta zirà a Treviso e Coneian nel mienovesentosesantasie da Pietro Germi, che podemo ciamarlo Piero. I ne ga descrito un fià pecaminosi, ma no se ofendemo, anca el pecà el serve a goder dea vita. Gnanca quea volta i ne a dà la giusta importansa. Nel film le machine lee targae RZ e el zornal local dise che le a provinsia de Rezega. Ma cosa i ga dito ? Rezega, ma noialtri no semo de Rezega, se no i ne ciamaria Rezegani o Rezegoni, ma no le vera sta roba. I podeva dir semo a Treviso, semo a Coneian, ma che problemi ghe gera ? I se vergognava ? No le mia na storia bruta, l'amor le beo e Milena Zulian no spetacoo. Mandemo un baso a Virna Lisi, che bea che bea.

El ragionier Osvaldo Bisigato un fia ne someia on no ? Gastone Moschin, ghe mandemo un baso anca a lu. Lera anca Gilda Bisigato, quea vea racomando e a mi me par anca pitosto atuae. Naltro baso a Nora Ricci. Chi xe che se ricorda tuto el film ? Scrivè sui comenti chi ve xe piasuo de pì, le ciaro che el primo posto le par Milena Zulian, ma le bei tuti e i fa na pitura de Treviso i ne raconta ben, anca coi preti.

Quel lera un bel tempo, i cominsiava ad eserghe un fià de schei e i schei i fa mal sol se i xe tropi o massa pochi, se no va ben i ne fa pi bea a vita e noaltri se i guadagnemo. Cossa vol dir ? Vol dir che i Trevisani xe zente che lavora e le anca giusto che ciape schei, ma no masa, maassa fa mal, gavemo dito. Quando che disemo i Trevisani, vol dir tuta Treviso coa provinsia, no ghe xe diferense. Se un le da Coneian, cossa eo che cambia ?

Tuti i paesi nostrani le bei e noaltri semo bea xente. Disevamo el tipo de sosietà che ve piaseria ? Se noa desidemo noaltri, i deside chealtri. Chi xe chealtri ? I xe i marsiani, quei che ne promete, ma cosa xe che i ciacoa a far ? Tornemo un fià indrio nel tempo e un fià demo vanti ? Podaria eser na bona idea. Semo un zornal de provinsia, no gavemo promese da far. Ne piase sol darve un scheo de sorisi e scoltarve cossa voè che a diventa a nostra bea tera Trevisana. Se sentimo marti 30 zenaro.



Questo è un editoriale pubblicato il 22-01-2024 alle 19:13 sul giornale del 23 gennaio 2024 - 42 letture






qrcode