SEI IN > VIVERE VENETO > CRONACA
articolo

Venezia: Arrestato per bancarotta fraudolenta imprenditore che non paga i dipendenti e l’erario per 1,3 milioni di euro

2' di lettura
20

Nella mattinata del 5 febbraio 2024, su delega della Procura della Repubblica di Venezia, i finanzieri del Comando Provinciale di Venezia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare personale, nella misura degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale lagunare, nei confronti di un soggetto, residente in provincia, ritenuto responsabile del fallimento di una società operante nel settore dell’autotrasporto merci.

Le indagini, condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Venezia sotto la direzione della locale Procura della Repubblica, hanno consentito di ricostruire le vicende societarie di una prima società fallita che sarebbe stata amministrata in maniera occulta dal destinatario della misura cautelare, il quale, a partire dal 2017, avrebbe distratto dall’azienda numerosi automezzi e più di 500 mila euro, svuotando i conti correnti aziendali e reimpiegando tale importo in una seconda società, sempre di autotrasporti e della denominazione simile, dallo stesso parimenti gestita, senza che ci fossero reali operazioni commerciali tra le due.

Le indagini avrebbero infatti svelato come, almeno dal 2017, la prima società (fallita) fosse già in dissesto e non potesse operare, in quanto priva degli automezzi oramai ceduti e il cui corrispettivo non è stato mai rinvenuto nella contabilità aziendale.

L’uomo avrebbe diretto in maniera occulta anche una terza società, intestata alla moglie, ancora attiva sempre nel medesimo settore ma già caratterizzata da debiti tributari non pagati e di un patrimonio netto negativo.

La misura odierna è stata valutata necessaria tenendo conto della deliberata volontà gestoria di non adempiere alle obbligazioni tributarie e di non pagare i dipendenti delle società, secondo uno schema rodato negli anni, che ha delineato la pericolosità economica e l’indole delinquenziale dell’uomo che, infatti, avrebbe svuotato la prima società fallita di beni e liquidità, continuando ad operare con più aziende, maturando ingenti debiti tributari, tutti mai pagati (dall’importo complessivo di circa 1,3 milioni di euro).

Sono stati denunciati per i reati di bancarotta, in concorso tra loro, anche l’amministratore formale e il liquidatore della prima società fallita.



Questo è un articolo pubblicato il 06-02-2024 alle 10:33 sul giornale del 07 febbraio 2024 - 20 letture

All'articolo è associato un evento






qrcode