SEI IN > VIVERE VENETO > CRONACA
articolo

Treviso: Preganziol: si barrica in casa armato, tenendo in ostaggio la moglie

2' di lettura
38

Alle ore 23:00 di mercoledì 21 un uomo armato ha tenuto in ostaggio per tutta la notte la compagna minacciando di ucciderla, dopo che lei gli aveva comunicato la sua volontà di lasciarlo. Ingentissime le Forze dell'Ordine giunte sul posto, che alle ore 7:00 di giovedì 22 hanno liberato con un blitz la donna. Per tutta la notte un mediatore specializzato dell' Arma, era riuscito a convincere l'uomo a non sparare, anche se non ad arrendersi

Un uomo del quale per ora non sono state rivelate le generalità, ma sappiamo essere un operaio italiano 55enne. Dopo una violenta lite con la compagna, una 58enne straniera ballerina del Night New 1000 Lire, si è barricato armato in casa in via Gorizia a Preganziol. Erano le 23:00 di mercoledì' 21 febbraio quando la quiete di un tranquillo condominio è stata sconvolta da forti rumori di suppellettili rotte e grida con invocazioni di aiuto.

Non era la prima volta che i vicini sentivano delle liti provenire dall'appartamento, da quando la compagna dell'autore del sequestro, aveva manifestato l'intenzione di lasciarlo non sopportando più la sua gelosia e i suoi modi violenti. Questa volta non era una delle solite liti, che seppur gravi e indicatrici di un'assurda forma di “proprietà” sulla donna, non avevano mai raggiunto livelli parossistici e di pericolosità tale da richiedere l'intervento dei Carabinieri.

E' stata la donna a urlare: “Aiuto, aiuto è armato mi vuole sparare”. A questo punto i vicini hanno telefonato ai Carabinieri che giunti sul posto e indossati i giubbotti antiproiettile, hanno cercato dapprima di intavolare una discussione con l'uomo, senza tuttavia riuscire a farlo desistere e convincerlo ad aprire la porta di casa.

Sono stati chiesti rinforzi e la zona è stata tutta completamente transennata, mentre il Sindaco di Preganziol Paolo Galeano chiedeva attraverso un comunicato diffuso sui social a tutta la popolazione di rimanere chiusa in casa con le tapparelle abbassate. Sono arrivati i GIS Gruppi Intervento Speciale dei Carabinieri, che dopo aver atteso senza esito il tentativo di mediazione compiuto da un ufficiale dell' Arma specializzato in queste difficili trattative, hanno deciso alle ore 7:00 di effettuare un blitz all'interno dell'appartamento, riuscendo a neutralizzare l'uomo, sembra senza ferirlo.

Effettivamente era armato ed è l'unica cosa che nel clima teso della mattinata abbiamo potuto sapere dai Carabinieri, che in attesa di un comunicato stampa ufficiale che sarà emesso dalla Procura della Repubblica di Treviso, non intendono fare alcuna dichiarazione per ora sull'identità dell' uomo. Ci hanno solo detto: “La donna è molto provata, ma in buone condizioni. Mentre l'uomo è stato disarmato dai nostri Reparti Speciali che all'interno dell'abitazione hanno provveduto al sequestro di 6 armi da fuoco tra pistole e fucili".



Questo è un articolo pubblicato il 22-02-2024 alle 15:38 sul giornale del 23 febbraio 2024 - 38 letture






qrcode