SEI IN > VIVERE VENETO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Una “Carta dei sentieri comuni”: un progetto di collaborazione tra il Serafico di Assisi e Adoa Verona

3' di lettura
48

Due giorni di lavoro, al Serafico di Assisi, durante i quali hanno partecipato oltre cento rappresentanti delle Opere Assistenziali aderenti all’Associazione Adoa di Verona - l'Associazione Diocesana Opere Assistenziali di Verona - alcuni professori dell’Università di Verona, i membri del CDA del Serafico, i dirigenti e i medici dell’Ente assisano. L’incontro è stato promosso dal segretario generale di Adoa, l’avvocato Tomas Chiaramonte, da Giorgio Mion, professore di Economia Aziendale dell’Università di Verona, e dalla Presidente del Serafico Francesca Di Maolo, con l'obiettivo di avviare un impegno comune per 'fare rete', mettere a fattor comune idee, forze, competenze, studi e ricerche.

E per gettare le basi di un progetto concreto volto a garantire maggiore attenzione alle persone con bisogni speciali che, allo stesso tempo, segua costantemente i processi culturali della società odierna, tecnologie comprese. Con una stella polare a guidarne il cammino: il valore della vita. Tra gli ambiti di azione: cogliere le opportunità offerte dall’evoluzione tecnologica nell’ambito delle neuroscienze e della cura della persona, applicando tecnologie avanzate per la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle persone con diverse forme di disabilità; progettare e realizzare percorsi di formazione volti al benessere dei lavoratori, alla loro motivazione, all’attrazione di giovani talenti e, in generale, all’umanizzazione dei luoghi di lavoro e di cura; realizzare percorsi di ricerca comuni anche in partnership con alcuni Atenei del Paese, per migliorare la qualità e la partecipazione alla vita delle persone più fragili.

“Dall'incontro di oggi partirà un percorso molto più lungo e articolato, ha spiegato Francesca Di Maolo, presidente dell'Istituto Serafico di Assisi, che mira a realizzare progetti focalizzati sull’inclusione, sulla riabilitazione, sulla ricerca e l’umanizzazione dei percorsi di cura, nella convinzione che le reti di collaborazione siano una grande opportunità di sviluppo e di innovazione e che non possiamo raggiungere da soli, ma solo insieme, i traguardi importanti in tema di sviluppo umano integrale”.

Tomas Chiaramonte, Segretario generale di Adoa ha aggiunto che “con circa un centinaio tra professionisti, amministratori, volontari e famiglie di enti aderenti ad ADOA, abbiamo attraversato i viadotti che separano le terre veronesi da quelle assisane, per renderci sempre più prossimi, più competenti e più uniti nella cura e nell'accompagnamento verso una vita piena per i fratelli e le sorelle più vulnerabili”. “Quello di oggi, ha aggiunto, è solo l'inizio di un sentiero comune che ci vedrà rafforzare reciprocamente le buone prassi, la riflessione di sviluppo prospettico dei nostri enti, dei servizi che offriamo e in merito all'attualizzazione nelle complessità dell'oggi della nostra missione fondativa. Un'accoglienza straordinaria e piena di attenzioni quella dello staff del Serafico di Francesca Di Maolo, e per noi un'occasione unica di crescita, di sviluppo di nuovi sentieri di ricerca e di innovazione, che ci permetterà di essere sempre più prossimi nel servizio che i nostri enti offrono da secoli alle loro comunità, sempre più competenti e sempre più uniti”, ha concluso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-03-2024 alle 11:00 sul giornale del 25 marzo 2024 - 48 letture

All'articolo è associato un evento






qrcode