SEI IN > VIVERE VENETO > CRONACA
articolo

Vicenza: Lotta al sommerso da lavoro scoperti 5 lavoratori in nero

2' di lettura
56

Nei giorni scorsi i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza, nell’ambito delle ordinarie attività di polizia economico-finanziaria di prevenzione e contrasto al lavoro nero, in occasione di un piano d’intervento di controllo coordinato del territorio, hanno eseguito un controllo nei confronti di un esercizio commerciale operante nel settore della ristorazione, ricostruendo un impiego di manodopera “in nero”.

Più nel dettaglio, gli uomini della Tenenza di Noventa Vicentina hanno controllato un pubblico esercizio di Orgiano (VI), rilevando che parte del personale impiegato dall’inizio del 2024 prestava la propria attività lavorativa in totale assenza di qualsiasi rapporto di lavoro e, dunque, in assenza di una reale tutela assicurativa, assistenziale e previdenziale; nello specifico, al momento dell’accesso sono stati rinvenuti alcuni appunti manoscritti che hanno permesso di individuare e identificare cinque lavoratori risultati completamente in “nero” dal gennaio 2024.

Nei confronti del titolare dell’azienda è stata così elevata una maxi-sanzione che va da un minimo di € 9.000,00 ad un massimo di € 54.000,00 e la contestuale diffida a procedere al versamento delle contribuzioni previdenziali e assicurative evase, con la relativa regolarizzazione e ricostruzione dei rapporti di lavoro a favore dei dipendenti.

E’ stata, inoltre, contestata la violazione dell’art. 13 del D. Lgs. 471/97 per l’omesso versamento a partire dal mese di settembre 2023 delle ritenute a titolo d’acconto sugli emolumenti corrisposti a tutti i lavoratori dipendenti regolarmente assunti, in quanto il datore di lavoro era inadempiente anche in tal senso.

Sono stati quindi informati gli uffici competenti per il recupero delle somme non versate.

L’attività della Guardia di Finanza risponde all’esigenza di contrastare il lavoro sommerso che, oltre a sottrarre risorse all’Erario, mina i diritti dei lavoratori nonché degli imprenditori onesti e rispettosi della legalità, danneggiati da una concorrenza sleale.



Questo è un articolo pubblicato il 02-04-2024 alle 10:45 sul giornale del 03 aprile 2024 - 56 letture






qrcode