SEI IN > VIVERE VENETO > CRONACA
articolo

Venezia: Sequestrati 5400 kg di semina di vongole prive di tracciabilità sanitaria

1' di lettura
46

Nelle settimane scorse i militari delle Sezioni Operative Navali della Guardia di Finanza di Chioggia e Porto Levante, nell’ambito di una complessa attività volta alla repressione del fenomeno della pesca abusiva della semina naturale di vongola, hanno proceduto al sequestro di 5400 kg di semina di vongola “Tapes Philippinarum” che sarebbe stata illecitamente immessa in commercio, per un valore commerciale di circa 100.000 €.

Sono state comminate sanzioni per illeciti amministrativi per un importo pari a 14.000 €, con la contestuale reimmissione del prodotto sequestrato in aree idonee al proseguimento del loro ciclo vitale.

Le piccole vongole, risorsa indispensabile per alimentare tutta la filiera sino alle tavole dei consumatori, possono essere allevate entro specifiche aree lagunari, dette aree “nursery”, individuate dalla normativa regionale vigente, concesse e gestite dalle singole imprese di pesca secondo stringenti criteri operativi e di sostenibilità.

L’attenzione delle Fiamme Gialle del Veneto, volta al monitoraggio delle zone di ripopolamento gestite dalla Regione e destinate alla raccolta controllata degli allevamenti di pesca, è finalizzata alla tutela della salute pubblica e della libera concorrenza nell’ambito della pesca legale, in un settore economico già gravemente compromesso dalla devastante presenza del granchio blu in laguna.



Questo è un articolo pubblicato il 07-05-2024 alle 10:56 sul giornale del 08 maggio 2024 - 46 letture






qrcode